Coffee Fashion Blog

Moda, stile e fashion marketing

La moda è morta: ecco perchè non è più possibile lavorare nel fashion come si faceva 10 anni fa.

la moda è mortaDieci anni fa era tutta un’altra storia. Dieci anni fa non c’era la crisi, non c’era Zalando e Saldiprivati, non c’era Abercrombie, non c’erano Facebook  e Pinterest, dieci anni fa si lavorava alla “vecchia maniera”, dieci anni fa si lavorava tanto e si lavorava tutti. Oggi no. Punto. Oggi avere un prodotto di qualità non solo non è rilevante, ma è inutile. Oggi conoscere le lavorazioni, i tessuti, i filati, stare nei prezzi, avere un buon stilista e chi ne ha ne metta, non conta niente! Nessuna di queste cose ti farà vendere di più. Nada de nada. Oggi le regole sono cambiate. Ma non cambiate un po’, cambiate del tutto, dalla A alla Z e se come azienda o come consulente stilistico non ti sei adattato, sei fuori dai giochi. Adios. Ora, il problema numero uno è che servono certe caratteristiche per stare nei giochi.

Caratteristica numero uno è ammettere:

  • Ammettere e rendersi conto che le regole sono cambiate, e non è cosa che tutti vogliono fare perchè tanto prima o poi questa crisi passerà, dicono….

Caratteristica numero due è aver voglia e umiltà:

  • Voglia e umiltà per riorganizzare completamente il tuo modo di gestire e di intendere il lavoro e farlo dopo che magari hai alle spalle millenni di onorata carriera, non è cosa che fa per tutti.

Caratteristica numero tre sapere:

  • Sapere quali sono le nuove regole del mercato e come fare per padroneggiarlo.

Caratteristica numero quattro accettare:

  • Una volta sapute quali sono le nuove regole, sei in grado di accettarle e di tirarti su le maniche per ricominciare, anziché perderti nel loop del “ma noi abbiamo sempre fatto così”?

Tu hai queste caratteristiche? Se non le hai sei fuori dai giochi, sia come azienda che come professionista, e non perchè lo dico io, ma perchè lo dice il mondo, lo dice il mercato. Lavorare alla vecchia maniera non esiste più, certo c’è ancora qualcuno che lo fa, ma non potrà farlo ancora per molto, oppure, nel caso specifico, può permettersi di farlo perchè ha altri strumenti dalla sua parte (strumenti che non andrò a specificare ora, magari in un prossimo post)   Dieci anni fa erano moltissimi i professionisti che conoscevo e che lavoravano a pieno ritmo come consulenti stile e gestivano gli incarichi di diverse aziende nel campo moda. Piccole aziende, piccoli marchi, non sto parlando di griffe affermate, ma di tutti quei maglifici e PMI che spopolano, ad esempio, nella zona di Carpi, frenetico polo della moda italiana. Oggi nessuno di loro lavora più. Il motivo è molto semplice, le aziende di moda hanno sempre pensato che fosse lo stilista a fare la differenza, pensavano che se il prodotto fosse stato buono, se avesse incontrato il gusto di tantissima gente, allora lo avrebbero venduto senza problemi. In realtà si vendeva perchè il mercato era ancora in crescita e, con pochi accorgimenti, si poteva vendere di tutto, non perchè il prodotto era figo e lo stilista azzeccato, ma perché a quei tempi c’era ancora posto per (quasi) tutti.

Nel momento in cui il mercato è cambiato, il mondo è cambiato, la tecnologia è cambiata, l’unico appiglio di queste aziende era cambiare stilista alla velocità con cui si cambia il colore dello smalto alle unghie quando non si sa cosa fare. Peccato che nel 90% dei casi il problema non fosse lo stilista!

Lo stilista, poverello, magari è anche bravino, magari ha frequentato una fighissima scuola di design, conosce i tessuti e i materiali e disegna modelli all’ultimo grido, magari fa lo stilista da 100 anni e sa tutto di tutto, ma quello che non sa, e che non sa nemmeno l’imprenditore, è che tutto questo senza una solida, solidissima, azzeccata base di marketing che tenga in piedi l’azienda, non c’è nulla da fare. Ora, lo so che non mi credi, ma ho le prove. Ti faccio un esempio noto, mai sentito parlare di Desigual? Marchio spagnolo che negli ultimi anni ha avuto un exploit incredibile.  E non è per parlar male, ma siete mai entrati in un negozio Desigual? Dio ci salvi! Lo stile che hanno a parer mio è terrificante! Un’accozzaglia di scampoli fantasia cuciti assieme! Ma non è questo il punto, il punto è che, con uno stile orrendo ma pazzescamente definito e diverso da tutti gli altri, vendono tantissimo e sono percepiti come un grandissimo marchio (che non è!)

So che probabilmente come imprenditore, ma anche come stilista, le tue preoccupazioni maggiori sono sempre state: Che tessuto metto questa stagione in collezione? E se sbaglio il giusto tessuto? E che colori faccio? E se non centro il colore di tendenza??

Mi dispiace dirtelo ma Desigual, e non è il solo brand, fa quella cippa che gli pare, fa un mix di colori, tessuti e chi ne ha più ne metta che nemmeno Sbirulino andava in giro conciato così, non segue tendenze colore e nemmeno tessuti, eppure vende abiti a pacchi! Come la mettiamo? Io direi che forse il bandolo della matassa è un altro e cioè che il tessuto che scegli e il colore che fai non contano un bel cappero di niente, e lo so che magari hai speso una fortuna in quaderni di tendenza che ti dicessero qual era il colore top della stagione, ma la verità è che avresti dovuto investire quei soldi in marketing o in uno stilista che sapesse fare entrambe le cose = stile+ marketing, come faccio io, piuttosto che in un bel quadernetto di tendenza creativo. “Eh ma loro hanno i soldi per investire in marketing, noi no!” e invece qui ti sbagli, perché è proprio perché la tua azienda è piccola che devi focalizzarti ancor meglio sul marketing ed affilarlo come il miglior raggio laser! (Ne parlerò ancora in seguito…continua a seguirmi!)  Quindi, che tu sia un imprenditore o che tu sia uno stilista o un creativo, la brutta notizia è che la creatività non vende, ciò che vende si chiama piano marketing! Se sei un imprenditore o uno stilista e vuoi saperne di più clicca qui!


Tuxedo sport La vera storia sull’inutilità del trend
Tuxedo sport
La vera storia sull’inutilità del trend

Comments to “La moda è morta: ecco perchè non è più possibile lavorare nel fashion come si faceva 10 anni fa.”


  1. Reply

    Siamo sempre più in linea. La tua consulenza vale oro. Spero che nessuno ti contatti così continui a lavorare solocon me 😉


    • (Administrator)
      Reply

      Grazie Sergio! Faremo grandi cose assieme, sono sicura! 😉 Tranquillo che ho perle di saggezza anche per altri clienti 😀 hahaha


Dimmi cosa ne pensi

CoffeeFashionBlog | Moda, stile e pensieri di vita. Mi piace vivere e pensare con stile.
©2013
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: